Ruhr2NorthSeaChallenge 2019

Peter Krins ha guidato la nuova steelworks e racconta come si è preparato per l'evento

Peter Krins, triatleta, ha già partecipato all’Ironman

Una sfida sportiva speciale su bicicletta , a cui erano presenti anche molti colleghi di Steel. Tra cui Peter Krins , dipendente nel reparto Ottimizzazione dei processi Logistica e sportivo. La Ruhr2NorthSeaChallenge da Duisburg a Bensersiel al Mare del Nord è iniziata sabato 15 giugno, prima dell'alba verso le 4 del mattino.

Ma questa volta non su una qualsiasi bicicletta, bensì sulla nostra bici thyssenkrupp di fascia alta , la steelworks, una bicicletta di classe superiore realizzata con il nostro acciaio , e sviluppata dalla nostra azienda. Con un telaio leggero come l’alluminio, con un design accattivante , che fa passare in secondo piano addirittura molti telai in carbonio. Lo sportivo racconterà le sue impressioni in un reportage. Qui potete leggere la nostra intervista che abbiamo condotto prima del tour.

Peter Krins con la nostra bicicletta steelworks

Signor Krins, 300 chilometri in un giorno sono veramente un bel percorso. Come si è preparato?

Peter Krins: Nel tempo libero faccio triathlon e vado comunque spesso con la mia bici da corsa. Quest'anno ho anche trascorso due settimane in un campo di allenamento a Fuerteventura. Lì mi sono allenato intensamente per aumentare la mia resistenza. Ma non ho mai percorso 300 chilometri di fila in bicicletta prima d'ora. Quindi questa sarà la giornata sportiva più lunga della mia vita. Ciò che m’interessa di più è comunque il divertimento. Non voglio andare particolarmente veloce, ma voglio soprattutto godermi la corsa.

È la prima volta che partecipa alla Ruhr2NorthSeaChallenge. Come le è venuta questa idea?

Krins: L’idea è nata nel team we.bike, mentre stavamo lavorando alla bici da corsa steelworks. Il percorso di 300 chilometri su strada è anche un test per la bicicletta. Perché non vogliamo solo vedere come si comporta il materiale, ma anche verificare quanto sia confortevole la bici su un percorso così lungo.

Che consiglio darebbe ad altri che stanno pensando di prendere parte all’evento?

Krins: L’importante è affrontare sia l’allenamento sia l'evento in modo molto rilassato. Il divertimento non dovrebbe mai passare in secondo piano. Inoltre consiglio chiaramente di consumare una quantità sufficiente di carboidrati. Vedo sempre una tendenza verso una dieta low carb, ma coloro che prendono parte a eventi simili hanno bisogno di energia per l'allenamento e per la challenge. Il corpo la attinge rapidamente dai carboidrati. Nessuno vuole partecipare con una sensazione continua di fame. Comunque sono dell’idea che la cosa più importante sia divertirsi, sempre.