La Belle Epoque

Dopo 50 anni, il 31 luglio, thyssenkrupp produrrà per l’ultima volta ascensori e scale mobili, tappeti mobili e ponti di imbarco passeggeri. La data segna la fine di un’era. Il giorno dopo, la Business Area Elevator Technology non farà più parte del Gruppo aziendale, ma apparterrà ufficialmente ai nuovi proprietari, il consorzio delle due società di private equity Advent e Cinven e della RAG-Stiftung. Quindi è il momento di guardare indietro - a una storia di successo.

La divisione ascensori, costituita attraverso società precedenti, appartiene a thyssenkrupp dal 1952. Quel che nel XIX secolo ha avuto le sue radici in una bottega di fabbro di Amburgo, e che dal 1° agosto 2020 sarà un’azienda indipendente, ha raggiunto un “culmine” il 22 giugno 2017.

Nella torre di collaudo di Elevator a Rottweil, in Svevia, oltre 200 ospiti hanno assistito a un evento straordinario. Alla semplice pressione di un pulsante da parte dell’allora CEO Andreas Schierenbeck, una cabina ha iniziato a muoversi in uno dei nove vani ascensore: prima pochi metri a sinistra, poi si è fermata per alcuni secondi, per poi scomparire quasi silenziosamente verso l’alto nel vano. I presenti hanno esultato e applaudito. Avevano appena assistito al viaggio inaugurale del primo ascensore senza fune che, grazie alla tecnologia del motore lineare, può trasportare i suoi passeggeri in direzione verticale e in orizzontale. MULTI è il nome dell’innovazione, una pietra miliare nella storia della tecnologia degli ascensori. MULTI consente di risparmiare spazio, è adatto a edifici molto alti e consente nuove possibilità di progettazione architettonica.

MULTI simboleggia molto di ciò che thyssenkrupp Elevator rappresenta: inventiva, arte ingegneristica e crescita.

SPIRITO INVENTIVO

Elevator Technology ha stabilito numerose tendenze tecnologiche e ha rivoluzionato il business negli ultimi decenni. Tra i prodotti di punta vi è ad esempio TWIN, un sistema di ascensori in cui due cabine viaggiano in modo indipendente in un unico vano. Un software intelligente controlla il funzionamento in modo che i passeggeri possano raggiungere più velocemente la loro destinazione. TWIN è comodo anche per il gestore dell’impianto. Risparmia un quarto dello spazio rispetto a un sistema convenzionale offrendo la stessa capacità di trasporto. L’uso di Hololens, un mini-computer mascherato da occhiali, velocizza i lavori di manutenzione e riparazione degli ascensori. Elevator Technology è la prima azienda a utilizzare la realtà mista e a dotare il proprio personale di servizio del dispositivo sviluppato da Microsoft. Il sistema di manutenzione preventiva MAX basato su cloud riduce i tempi di fermo dell’ascensore notificando automaticamente quando è necessario sostituire le parti o effettuare la manutenzione. E infine, grazie alla tecnologia di levitazione magnetica e al software di controllo intelligente, MULTI infrange la legge apparentemente ferrea secondo cui gli ascensori devono essere sospesi alle funi e viaggiare solo in due direzioni, verso l’alto e verso il basso.

Le innovazioni non nascono per caso. thyssenkrupp Elevator ha investito in ricerca e sviluppo a lungo termine e in molte sedi. Diverse torri di collaudo più piccole e tre grandi, oltre a quella di Rottweil ce n’è una in Cina e una negli USA, consentono di effettuare i test in condizioni realistiche. Grazie a una rete globale di centri d’innovazione e sviluppo di prodotti (PDC) e d’investimenti nello spirito inventivo, Elevator fa costantemente ingresso in nuovi settori. Ad esempio, per consentire in futuro anche ai robot di operare negli edifici da un piano all’altro, gli sviluppatori di Elevator hanno realizzato un’interfaccia software che consente al robot di utilizzare gli ascensori in modo indipendente.

ARTE INGEGNERISTICA

Ogni progetto è diverso, ogni incarico porta sfide diverse, ogni prodotto deve essere adattato alla rispettiva realtà concreta. Vale a dire: non tutti gli ascensori sono uguali, non tutte le scale mobili sono uguali. Le competenze degli ingegneri e dei tecnici sono richieste per ogni singolo nuovo incarico. I progetti faro realizzati da Elevator Technology negli ultimi anni in quasi tutti i continenti dimostrano quanto questo sia importante.

  • Scale mobili per la metropolitana a Tbilisi, Georgia

  • L'impianto di scale mobili di Amburgo ha fornito un risultato pionieristico per questo ordine nel 2017: le scale mobili per una stazione nella capitale georgiana superano un dislivello di 45 metri. Con i loro 110 metri, sono le scale mobili più lunghe che Elevator abbia mai realizzato, e anche le più strette. Ciò significa che è possibile installare tre scale mobili, invece di due, in un unico tubo e la capacità di trasporto può essere aumentata del 50 per cento. Gli ingegneri di Amburgo hanno ottenuto questo risultato installando il motore di azionamento sotto le scale mobili. Questa soluzione intelligente ha avuto successo e viene ora utilizzata anche altrove: a Baku, in Azerbaigian, l’anno scorso la società di Amburgo ha consegnato altre scale mobili basate su questo principio.

  • Ponti per l’imbarco dei passeggeri, scale mobili e tappeti mobili per l’aeroporto di Rio de Janeiro

  • Prima dei Giochi Olimpici di Rio del 2016, Elevator ha reso l’aeroporto più grande del Brasile adatto al mega evento. Oltre a sostituire le scale mobili e a installare il tappeto mobile più lungo del paese (100 metri), ha dotato l’aeroporto di 26 nuovi ponti di imbarco passeggeri, il più lungo dei quali può essere esteso fino a 45 metri. Sono tutti dotati di un sistema di sicurezza automatico che previene le collisioni. Grazie a questi moderni ponti per l’imbarco, un numero sempre maggiore di aerei, anche di dimensioni più grandi, può inserire tra le sue destinazioni l’aeroporto di Rio.

  • Ascensori TWIN per un grattacielo a Londra

  • L’innovazione tradotta in realtà: Elevator Technology ha fornito gli ascensori per “The Scalpel”, il grattacielo alto quasi 200 metri nel quartiere finanziario di Londra, tra cui 11 ascensori TWIN. La soluzione salvaspazio consentirà al cliente di commercializzare circa il 30% in più di spazio per uffici. Per gli “inquilini”, l’efficiente sistema TWIN consente un notevole risparmio di tempo grazie alla riduzione dei tempi di attesa e di trasporto.

CRESCITA

thyssenkrupp ha sempre considerato il settore degli ascensori come un’attività con grande potenziale di crescita. Ma gli inizi sono ben delineati. Negli anni '50 il gruppo Rheinstahl acquisisce una società di ascensori ad Amburgo e all’inizio degli anni '70 poi un’altra a Stoccarda. Con l'acquisizione di Rheinstahl da parte di Thyssen nel 1974 e la successiva fusione di Thyssen Stahl AG con Krupp Stahl AG nel 1999, il settore degli ascensori diventa finalmente parte del nuovo gruppo industriale thyssenkrupp. Allora l’azienda svolgeva già un ruolo importante nella costruzione di ascensori e scale mobili. Di particolare importanza per l’espansione è stata l’acquisizione di M.A.N.-Aufzugbau nel 1984. Da allora lo sviluppo è stato rapido, ecco qui di seguito alcune pietre miliari:

1986 Partecipazione in una società di ascensori a Toronto, Canada

1987 Acquisizione di un produttore olandese di montascale

1991 Costruzione di uno stabilimento per scale mobili in Spagna

1995 Fondazione di Elevator China, costruzione di uno stabilimento a Zhongshan

1998 Acquisto di Dover Elevators, società con sede negli USA e in Canada

1998 thyssenkrupp Elevator diventa il terzo produttore di ascensori al mondo

2001 Acquisizione dell’attività del concorrente KONE in Sud America

2003 Fondazione di una joint venture in Corea del Sud

2006 Nuovo sito di produzione in Cina

2019 Acquisto di altre due società di ascensori negli USA

thyssenkrupp Elevator è ora operativo in più di cento paesi. Più di 1.000 centri di assistenza e vendita dimostrano l’attenzione dell’azienda verso il cliente. Oltre 50.000 dipendenti contribuiscono al successo della divisione ascensori. La società di ascensori è diventata un fornitore globale di soluzioni di mobilità che vanno ben al di là di una semplice salita o discesa. Il software, l’intelligenza artificiale e l’Internet delle cose stanno acquisendo importanza nel settore, Elevator Technology è in prima linea nello sviluppo.

A partire dal 1° agosto, l’azienda sarà indipendente con forti proprietari alle spalle. In una lettera ai dipendenti di Elevator, Martina Merz, CEO, scrive: “Siamo orgogliosi del tempo trascorso insieme coronato da tanti successi.” Ma lei e i suoi colleghi del Comitato Esecutivo sono fermamente convinti che i nuovi proprietari continueranno a guidare l’azienda su un percorso di crescita. “Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti Voi per il grande lavoro svolto in tutti questi anni e il vostro straordinario impegno per thyssenkrupp”, prosegue la lettera. E chissà, forse questo segnerà l’inizio di una nuova era per Elevator Technology.